Un ‘taglio solidale’ per non rinunciare al superfluo

Dal blog Inpenisoladonna.

ROMA. Le donne, si sa, gestiscono le casse di casa. Ma per far quadrare i conti sono spesso costrette a rinunciare a ciò che viene considerato come superfluo. Estetica, cura del corpo, taglio e messa in piega diventano “beni di lusso”, da evitare tanto quanto le scarpe del diavolo che, come si sa, veste esclusivamente Prada. Ma nella Capitale, c’è chi ha voluto rivendicare per certe categorie di clienti – studentesse, disoccupate, precarie, etc – il diritto al superfluo. E così, Alessandra Pucci, 49enne, proprietaria del saloon RiccioCapriccio, ha inaugurato il progetto  Un taglio solidale, che consiste in taglio e piega a soli 8 euro. “L’obiettivo è gratificare la donna per permetterle di piacersi e di piacere, anche in tempo di crisi – spiega la parrucchiera romana -. La terza settimana del mese è quella in cui ci si rende conto che i soldi cominciano a mancare. Allora noi abbiamo pensato di offrire, ogni terzo mercoledì del mese, un cambio di look a prezzo scontato. Otto euro per il taglio e la piega, di cui 3 verranno devoluti in beneficenza a supporto del Cam, il Centro uomini maltrattanti di Firenze. Siamo donne che aiutano gli uomini. Ma alla fine aiutiamo anche noi stesse, perché sostenere i mariti o i compagni che hanno deciso cominciare un percorso di recupero tramite il centro, significa anche dare un contributo per porre fine alle violenze domestiche”.

Vedi l’articolo su Inpenisoladonna.

, , , ,

No comments yet.

Lascia un Commento